Farmaci cannabinoidi: l’ok delle Marche

Ancona – Con sedici voti favorevoli e sei astenuti le Marche approvano la legge regionale sull’uso di farmaci cannabinoidi.

La distribuzione dei farmaci verrà effettuata in ambito ospedaliero se il paziente è ricoverato e se vi è necessità di continuare la terapia le sostanze potranno essere prelevate tramite la farmacia ospedaliera.

Sarà il medico di base a scegliere la cura, se riterrà le alternative non idonee.

L’Asur (Azienda sanitaria unica regionale) al di fuori degli ospedali seguirà i pazienti nell’acquisizione dei farmaci registrati all’estero per finalità terapeutiche.

Anche se l’uso dei cannabinoidi è già disciplinato da una legge nazionale lo scopo è quello di assicurare più omogeneità di distribuzione sul territorio e controllare il consumo dei farmaci registrati all’estero, oltre a velocizzare le liste d’attesta.