“Semina Proibita” a Milano per la Giornata Mondiale della Cannabis

In occasione della Giornata Mondiale della Cannabis, che da sempre ricorre il 20 Aprile, Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, e Antonella Soldo, Presidente di Radicali Italiani, saranno protagonisti di un’azione di “disobbedienza civile” che prevedrà la distribuzione di semi di cannabis. Anche il Comitato di “Legalizziamo!” aderisce all’iniziativa.

Di seguito il comunicato ufficiale:

Giovedì 20 aprile, in occasione della “Four-twenty, Giornata mondiale della cannabis“, in Piazzale Duca D’Aosta (di fronte alla Sede del Consiglio regionale della Lombardia) alle ore 11.30 si terrà una “SEMINA PROIBITA” pubblica.

L’azione prevederà in particolare la distribuzione ai cittadini (con istigazione alla coltivazione) di semi di cannabis, la semina pubblica e la possibilità di iscriversi al “Radical cannabis club“.

Prenderanno parte all’iniziativa:

  • Antonella SOLDO, Presidente di Radicali italiani
  • Barbara BONVICINI, Segretaria dell’associazione Enzo Tortora – Radicali Milano
  • Marco CAPPATO, Tesoriere Associazione Luca Coscioni

L’azione è rivolta sia al Parlamento italiano (che continua a tenere bloccato l’esame della legge per regolamentare la cannabis e persino, da quasi 6 mesi, il conteggio delle firme sulla proposta di iniziativa popolare di “Legalizziamo!“) che al Consiglio regionale della Lombardia (che rifiuta di prendere in esame la proposta di legge di iniziativa popolare regionale sulla cannabis terapeutica).

L’iniziativa è promossa da: Legalizziamo, Radicali italiani, Associazione Enzo Tortora – Radicali Milano, Associazione Luca Coscioni.

About admin

Cannabis è il nome scientifico della marijuana, che in Italia è chiamata anche canapa o erba. È una pianta a fiore, appartiene alla famiglia delle cannabinacee, ordine delle urticales,di cui fanno parte anche le ortiche. Il Delta-9-tetraidrocannabinolo e il Trans-delta-9-tetraidrocannabinolo sono due dei suoi principi attivi, e il 18 Aprile del 2007 sono stati inseriti con Decreto Ministeriale nella tabella che ne consente la prescrizione con ricetta medica in quanto “costituiscono principi attivi di medicinali utilizzati come adiuvanti nella terapia del dolore, anche al fine di contenere i dosaggi dei farmaci oppiacei, ed inoltre si sono rivelati efficaci nel trattamento di patologie neurodegenerative quali la sclerosi multipla”.